Casa Fontanino

Camere

Entra in camera
Entra in camera
Entra in camera
Entra in camera
Entra in camera
Entra in camera
Entra in camera

Casa Fontanino

Maria

La camera Maria, situata al piano terra, è stata realizzata secondo lo stile toscano e ricorda il nome più classico per una nonna. Il gusto rustico è riconoscibile dai colori e dai materiali caldi, i mobili di legno antico restaurati richiamano la semplicità della campagna che completano l’atmosfera agreste grazie alle finestre che affacciano sul parco.

Visita le altre camere

Casa Fontanino

Anna

Anna è la stanza comunicante con Maria, la sua gemella. Anche qui lo stile rustico dal tocco toscano è riconoscibile dalla semplicità degli elementi: il letto in ferro battuto e gli arredi dai materiali naturali e dipinti a mano fanno infatti respirare un’aria di genuinità, vissuta e familiare. Le finestre si aprono sul verde della tenuta, a Nord, in direzione del borgo di Montecarlo.

Visita le altre camere

Casa Fontanino

Jorge

È la camera che ci si trova di fronte salite le scale che portano al primo piano. Ed è tutta progettata nel segno diGiorgio Elio, il figlio di sei anni di Stefano e Antonella, che ha avuto l’ultima parola sui colori (dall’indaco delle pareti al rosso delle tende all’azzurro del bagno), sulla collocazione dei mobili e sugli oggetti d’arredamentoDa qui il nome Jorge, in omaggio alla grande attrazione che il bambino, come la madre Antonella, ha per il mondo ispanico e latino-americano. La stanza matrimoniale ha due finestre: una affacciata in direzione nord verso Montecarlo e l’altra verso ovest, dove il rio Fontanino scorre attraversando un orto e un frutteto.

Visita le altre camere

Casa Fontanino

Penelope

Posta nell’angolo sud-occidentale dell’edificio, al primo piano, questa camera matrimoniale di colore indaco chiaro, con le tende della finestra e le piastrelle del bagno verdi, è la più esposta all’elemento acqua: l’acqua del lago che si vede all’estremo sud del podere e quella più vicina, sul lato ovest del giardino, del torrente che attraversa la proprietà e del laghetto artificiale realizzato per la raccolta dell’acqua. Un rinvio simbolico all’acqua per eccellenza, quella del mare, e da alle peregrinazioni di Ulisse e alla figura della moglie Penelope: nome molto amato da Antonella per il richiamo sia al tema del viaggio che a quello della tessitura e delle stoffe, la materia prima della sua attività di stilista.

Visita le altre camere

Casa Fontanino

Juan

Sempre spagnoleggiante è il nome della prima camera sulla destra nel corridoio del primo piano, con affaccio sud verso il lago popolato di uccelli e pesci non lontano dalle cave. Un paesaggio non banalmente poetico e leggermente inconsueto che ben si addice a Gian Marco, il quattordicenne figlio maggiore dei coniugi Pucci, sportivo e amante di tutto ciò che riguarda la natura nonché cacciatore e pescatore, che ha ispirato l’arredamentoNella camera, tinta di verdecosì come il bagno – e contende rosa alla finestra, ci sono due letti e un armadietto orientale.

Visita le altre camere

Casa Fontanino

Rio

Se la camera più esposta fisicamente all’acqua è Penelope, quella simbolicamente proiettata su tale sostanza, a partire dal nome, è Rio, parola che evoca fiumi vicinilontani ma anche il Brasile e la sua città più bella, Rio de Janeiro. Dalla finestra della stanza, affacciata sul nord nella direzione di Montecarlo e incorniciata da tende azzurre, è facile riandare con la mente ai tempi in cui la gente del borgo medioevale, come narrano alcune leggende, scendeva a valle nel podere adesso dei Pucci per rifornirsi d’acqua al fontanino. Il bagno, in mattonelle color sabbia, ha una finestra affacciata ad est. Da segnalare un curioso ma pratico mobile pakistano.

Visita le altre camere

Casa Fontanino

Carola

Battezzata in questo modo in omaggio a Carolina, la figlia dodicenne appassionata di equitazione, è la camera più grande della struttura ed è posizionata in fondo al corridoio del primo piano sul lato orientale dell’edificio. Ha una porta-finestra ad arco rivolta verso sud da cui guardare il giardino e più lontano il lago, e la finestra del bagno affacciata ad est da cui si vedono il gelso e la piscina. I colori sono molto femminili: lavanda per le pareti e azzurro per le tende della finestra, mentre le piastrelle del bagno sono verdi. Spiccano fra i mobili e gli oggetti, una cassettiera orientale vagamente low cost, una gabbia per uccelli su un comodino e una testa di cavallo in cotto.

Visita le altre camere